I segreti del trading in metalli preziosi

501
trading sui metalli

L’oro e gli altri metalli preziosi sono sempre stati settori in cui le persone, ma anche Stati, banche e società hanno investito. Per poterlo fare fino a poco tempo fa era necessario comprare oro fisico o in titoli e questo comportava la necessità di un elevato esborso di denaro in breve tempo e richiedeva la possibilità di avere misure di sicurezza adeguate in casa o attraverso cassette di sicurezza in banca. Oggi si possono superare tutte queste difficoltà senza temere frode o pericoli grazie al trading on line.

Investire in metalli preziosi con il trading

Nessuna frode: con il trading si possono investire cifre basse

Fino a qualche anno fa pensare di investire in oro e metalli preziosi senza comprare oro fisico poteva sembrare una truffa, oggi invece sono in tanti a farlo e ciò perché vi sono minori rischi di perdite, accesso più facile agli investimenti e gestione diretta da parte del trader.

Per poter investire in oro e metalli preziosi è necessario prima avere un conto presso un broker, (abbiamo trattato dell’argomento in questo nostro articolo che illustra appunto una recensione su FXGM) per farlo non occorrono grandi risorse perché è possibile aprire un conto anche con soli 100 euro, in questo modo il trader si sente sicuro e non teme una frode con perdita di somme elevate.

È possibile investire con pochi fondi perché nel trading commodity l’investitore punta solo sulle fluttuazioni di valore dell’oro tra il momento dell’apertura della posizione e il momento della chiusura.

Mentre con il mercato tradizionale dell’oro si deve sperare che nel medio lungo- termine il prezzo dell’oro salga in modo da lucrare la differenza di prezzo tra il momento dell’acquisto e quello della vendita, ciò non succede nel trading online che permette di investire anche su un eventuale ribasso del costo dei metalli preziosi.

Rapporto di leva

Benefici e rischi

Nonostante nel trading con metalli preziosi si possano fare investimenti con poche risorse, è possibile comunque avere ricavi soddisfacenti senza alcuna truffa, infatti anche nelle commodity opera il rapporto di leva si tratta di un meccanismo che permette di investire molto più di quanto realmente il trader abbia a disposizione e far rendere al massimo i propri soldi.

Questo meccanismo però opera anche in caso di perdite, cioè in caso di perdite le stesse risulteranno moltiplicate come se fossero state investite somme più elevate di quelle realmente a disposizione. Se vi sono perdite elevate non si può denunciare una frode perché ogni broker rende noto il rapporto di leva e il rischio di perdite connesso. Proprio per questo è bene iniziare ad investire con un rapporto di leva non eccessivo.

Come è stabilito il prezzo dell’oro

Sistema trasparente e senza truffa

Il prezzo dell’oro è stabilito da un’associazione, la London Buillion Association, di cui fanno parte 5 importanti gruppi bancari. Il processo attraverso cui si addiviene alla quotazione è chiaro e non si può temere una truffa. I rappresentati di questa associazione si riuniscono due volte al giorno per stabilire il prezzo dell’oro in base all’offerta e alla domanda che esse stesse ricevono per l’oro.

Come si vede quindi il nucleo centrale a cui bisogna stare attenti è la domanda e l’offerta dell’oro, questa a sua volta dipende anche dalla situazione economica e sociale che si crea nel vari Stati perché è risaputo che i maggiori detentori di oro al mondo sono proprio gli Stati che hanno la riserva aurea.